Studio One in Windows: semplice guida step by step


In questo tutorial voglio darti dei consigli generali per partire con Studio One con il piede giusto, soprattutto per gli utenti Windows, per evitare problemi vari che potrebbero accumularsi col tempo; inoltre voglio offrirti una panoramica su alcune configurazioni che ritengo molto utili per partire. Puoi seguirmi sia a video che leggendo la guida che segue.

VIDEO

GUIDA STEP-BY-STEP

Per prima cosa consiglio di avviare studio one come amministratore, per far ciò andiamo su proprietà/compatibilità e spuntiamo avvia come amministratore; questo perché se non si avvia come amministratore potremmo avere dei problemi con alcuni vst tipo Ezdrummer, Superior drummer, ecc. Il problema è che senza avviare come amministratore appunto, avremo difficoltà nell’importare nell’arranger (con il drag & drop, cioè trascinandole con il mouse) le tracce delle ritmiche midi presenti nel pacchetto dei VST. Potrebbe dare anche problemi con la licenza del VST.

Un altro importante suggerimento che voglio darti per gli utenti Windows, è quello di non collegare ad internet il computer con cui fai musica. Questo perché windows scarica aggiornamenti e software che col tempo rallentano e incasinano il computer e troverai problemi di stabilità

Configurazioni iniziali di Studio One

Per prima cosa analizziamo le impostazioni della scheda audio. Nella schermata di avvio nella parte centrale, in basso, troviamo la scheda setup, dove puoi vedere le varie schede audio disponibili. Cliccando su configurazione scheda audio si apre la finestra delle impostazioni audio.

Nel primo riquadro vediamo le dimensioni del blocco; questo serve per impostare la latenza di Studio One.
Apro una piccola parentesi, se ti può essere utile; per effettuare delle registrazioni deve impostare questo valore il più basso possibile che ti permette la scheda audio (ogni scheda ha le sue caratteristiche quindi questo valore minimo cambierà a seconda della scheda), in modo da avere una bassa latenza (quindi ritardo) nella riproduzione delle altre tracce così le tue nuove registrazioni saranno allineate correttamente con quelle riprodotte.

Quando fai il mix invece ti suggerisco di impostare questo valore al massimo in modo tale che non avrai problemi di clip, di fruscii e di cose strane che avvengono quando è impostata al minimo, inoltre non appesantirai troppo la CPU.

La scheda processamento audio (lo vedremo meglio in altri tutorial) permette di evitare problemi anche se hai impostato il sample rate al valore minimo; quindi non avrai problemi di ritardo nella riproduzione e non avrai neanche i clip tipici di quando abbassi molto questo valore.
Un’altra cosa interessante da considerare nel partire con questa DAW della Presonus è quella di personalizzare le scorciatoie da tastiera; come saprai queste sono le combinazioni di tasti che permettono azioni immediate senza cercare con il mouse tra i vari menu.

Studio One in particolare ti permette di impostarle a seconda della DAW che usi abitualmente o che hai usato; io arrivo da Cubase e quindi ho scelto quella configurazione e devo dire che mi sono subito trovato a casa. Per far questo andiamo nella scheda Generale e scorciatoie di tastiera. Inoltre puoi impostarle e personalizzarle come meglio preferisci.

Altro aspetto che ritengo molto importante è quello della scelta predefinita della cartella di destinazione delle song. Per far questo devi recarti in opzioni/posizioni cartelle. Ti suggerisco di scegliere con molta attenzione e decidere dove salvare i vari progetti divisi per cartelle ben definite (es band, idee, live, date ecc) e presta attenzione a questa cosa perché se salvi a caso, quando passeranno diversi anni, farai veramente fatica a trovare vecchie registrazioni.

Inoltre quando salvi il progetto e ne vuoi creare un nuovo che però abbia le stesse impostazioni, non fare salva con nome (quindi creando un progetto uguale con un altro nome) perché questo fa si che utilizzi la stessa cartella dei file audio e ciò potrebbe creare grossi problemi perché se a un certo punto decidi di far pulizia e di cancellare i file non utilizzati potresti cancellare file di di altre song e potresti perdere alcuni progetti.

A questo punto direi che possiamo fermarci qui per questo primo tutorial allora facciamo un piccolo riepilogo di quello che abbiamo visto:

  1. avviare il programma come amministratore
  2. non collegare il computer ad internet
  3. l’impostazione della latenza della scheda audio
  4. la cartella di destinazione scelta accuratamente
  5. l’impostazione delle scorciatoie di tastiera

A questo punto ti invito a visitare il mio sito dove troverai informazioni su come allestire la sala prove, come registrare e mixare in modo approfondito con studio one e dove ti presenterò il mio personale corso Bandup! dedicato alla vita da band in salaprove.

Visita www.StudioFunkyOne.it

A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Content