TC Electronic Desktop Konnect


Eccoci qua con un nuovo appuntamento con le schede audio. Oggi è la volta della Desktop Konnect della TC Electronics, una scheda audio portatile che integra le componenti delle schede professionali della TCE. La scheda, che è stata pensata per un istallazione desktop (su scrivania) è una 2×2, 2 ingressi e 2 uscite con diverse opzioni di settaggio fra ingressi microfonici, hi-z e di linea con preamplificatore IMPACT.

Il design è davvero accattivante e attira l’occhio direttamente sul controllo del volume, una grande semisfera illuminata; i materiali di costruzione  garantiscono resistenza nel tempo grazie anche alla scocca in metallo.

ATTENZIONE però: prima però di innamorarti di questa scheda, assicurati di essere al corrente di QUESTO !

Ad ogni modo, proseguendo... Sul pannello posteriore troviamo tutte le connessioni:

  • Connettore XLR per ingresso microfonico (input 1), con possibilità di attivare la phantom power (via softwere).
  • Connessione jack TRS hi-Z / linea(input 1)
  • Connessione jack TRS hi-Z / linea (input 2)
  • Coppia di uscite stereo per i monitor
  • Uscita delle cuffie.

Il collegamento alla daw avviene tramite connessione firewire che provvede pure all’alimentazione elettrica, tuttavia nel caso in cui il nostro bus Firewire non supporti l’alimentazione elettrica (nel caso del firewire400 4 poli) è comunque disponibile la connessione DC.

Nella parte superiore troviamo invece tutti i tipi di controllo, quello del gain è affidato a due controlli rotativi troviamo poi i pulsanti di settaggio degli input, questi sono configurabili in 3 modi:

  1. MIC + INST à Microfono collegato al XLR (in 1) e strumento al Jack (in 2),
  2. DUAL INST à Due strumenti (chitarra/basso) su connessioni jack,
  3. STEREO IN à Strumento con uscita di linea (synth o tastiera)  su connessioni jack.

Il softwere di controllo della scheda permette  di selezionare per ogni canale il livello di mandata all’effetto M40 StudioVerb, un riverbero che potremo usare sia in fase di monitoraggio sia come plug-in nel sequencer. Il livello di ritorno è invece controllato dal controllo rotativo “reverb” sulla scheda. Sotto a questo troviamo il controllo mix fra il monitoraggio diretto e quello via softwere.

Le possibilità di monitoraggio non finiscono qui, infatti alla voce “monitor section” troviamo tre pulsanti che richiamano tre diverse funzioni:

  • Panel: richiama il softwere di controllo della scheda che sarà visualizzato a tutto schermo, il TC Near Control Panel, vero e proprio mixer per gestire il monitoraggio e il reverbero M40Studioverb.
  • Mono: cambia il segnale in uscita dai monitor da Stereo a Mono (funzione utile per verificare la mono compatibilità delle nostre registrazioni)
  • Dim: cambia il livello di volume dei monitor da un livello “master” ad un livello “dimmed” settabile via softwere.

E’ possibile scegliere la sorgente di monitoraggio anche per la coppia di led meter presenti sul corpo della scheda firewire. Impostandoli su “input” mostreranno il livello in ingresso, su “pre” il livello del segnale dopo che sia transitato per il gain a cui viene sommato il segnale del riverbero e l’uscita dalla daw, infine su “post” segnaleranno il livello in uscita sui monitor dopo il controllo MAIN del volume.

Per quello che riguarda i convertitori A/D-D/A siamo in una fascia davvero professionale infatti possiamo usufruire della tecnologia jetPPL™ grazie ad un chip di conversione digitale DICE™ che garantisce una ripresa cristallina grazie alla sample rate che arriva a 192KHz a 24 bit.

La scheda è compatibile sia in ambiente Win che Mac, viene fornita con i driver Asio, Core Audio e WDM e con il softwere Cubase 4 LE.

Recensione a cura di:

 

Recent Content